Reportistica valutativa e rapporti statistici


Del complesso delle forniture assicurate alle ASL sono parte importante la corposa reportistica orientata a valutare i comportamenti prescrittivi dei medici, non solamente per aderire alle diverse esigenze delle ASL, così come scaturito dagli accordi aziendali e/o dagli indirizzi ed obbiettivi prestabiliti, ma anche per inquadrare specifiche problematiche (dall’evidenziazione di inappropriatezze all’approfondimento dei consumi di determinate categorie di farmaci).

Reportistiche sono elaborate anche in ragione dell’adozione di sistemi premiali oppure di sistemi penalizzanti per medici altospendenti; il sistema, denominato “valutazione comparativa”, si basa sul posizionamento di ogni singolo medico in rapporto all’insieme, sul computo della deviazione standard e dello Z-score (sia nel complesso che con riferimento a singole categorie di farmaci).

La predisposizione della reportistica può prevederne la stampa, l’imbustamento e postalizzazione, oppure il suo inoltro per via telematica in formato PDF-A, anche ricorrendo a specifiche strumentazioni messe a disposizione delle ASL da parte della Marno srl (portale medicodigitale.it).

Particolari reportistiche riguardano le prescrizioni originate in ambito specialistico ed i consumi farmaceutici delle strutture ospedaliere (ove sono rese disponibili le relative basi di dati).

Quadri statistici sui vari fenomeni caratterizzanti l’assistenza farmaceutica sono raccolti in speciali rapporti annuali elaborati a livello regionale, considerati i più articolati ed esplicativi tra quelli pubblicati in Italia; contengono dati di farmaco-utilizzazione e fondamentali informazioni epidemiologiche correlate al consumo di farmaci; sono arricchiti da grafici e carte tematiche territoriali e comprendono l’individuazione e valorizzazione economica delle criticità prevalenti.